Da Vedere a Ravenna

Uscendo dal centro di Ravenna troviamo il Mausoleo di Teodorico, antica vestigia immersa nella natura, eretta dal re dei Goti all'incirca nel 520. Il sepolcro, che ricorda l'architettura romana, è formato da blocchi di pietra d'Istria e distinto in due ordini, con la parte inferiore a pianta decagonale e quella superiore è caratterizzata da forme circolari. Tale discontinuità è riconducibile al fatto che la zona inferiore era destinata alle liturgie, mentre la seconda venne costruita per accogliere le spoglie mortali di Teodorico.

Sempre a Teodorico dobbiamo rendere merito per il Battistero degli Ariani costruito agli inizi del VI secolo per donare un luogo di culto ai Goti, all'epoca chiamati ariani in contrapposizione ai latini ortodossi. Il sobrio edificio a pianta ottagonale, che oggi è in parte sprofondato per le caratteristiche del suolo ravennate, conteneva diversi mosaici d'inestimabile valore, dei quali sono alcuni sono giunti fino a noi e tra essi la famosa opera musiva raffigurante il battesimo di Cristo.

Tra i monumenti più famosi di Ravenna vi è senza dubbio la Basilica di San Vitale, consacrata a metà del Cinquecento. Si tratta di un capolavoro, uno dei più famosi risalenti all'arte paleocristiana, con pianta ottagonale e linee sobrie ma al contempo imponenti, come le sculture ed i mosaici che vi sono all'interno, noti ai più. Nella Basilica di San Vitale possiamo, infatti, ammirare le lunette con il mosaico che raffigura Giustiniano e la sua Corte posto specularmente rispetto a quello con Teodora e le sue Dame.

Qualche chilometro fuori dal centro sorge la Basilica di Sant'Apollinare in Classe, edificio dedicato al primo vescovo ravennate eretto a Classe, strategico porto romano in riva al Mar Adriatico che superava per fama anche la città capitale di ben tre diversi regni. La basilica edificato per volontà del Vescovo Ursicino tra il 533 e il 536 è un maestoso edificio a tre navate che conserva al suo interno diverse opere d'arte di grande pregio, tra i quali antichi sarcofagi e numerosi capolavori dell'arte musiva bizantina.

 

 

Navigare Facile